Disabilitare il touchpad / Disable the touchpad

Se si usa un notebook spesso è comodo disabilitare il touchpad… magari solo quando si collega il mouse USB.

Vai qui: http://labnol.blogspot.com/2007/05/disable-touch-pad-of-your-laptop-avoid.html.

[EN]
If you use a notebook disable touchpad is useful hoften… maybe just when you attach a mouse.

Go here: http://labnol.blogspot.com/2007/05/disable-touch-pad-of-your-laptop-avoid.html.

Disabilitare richiesta conferma account su Vista

Oggi dopo l’ennesimo aggiornamento automatico di Windows Vista, avvenuto ieri sera allo spegnimento del PC, mi sono trovato con il sistema un pò strano.

La peggiore cosa è l’aver trovato riabilitato il fastidiosissimo (per un utente smanettone come me) e continuo popup di “Richiesta verifica utente”. Lo avevo disabilitato qualche mese fa, dopo poche ore alle prese con il mio primo Vista.
Non ricordando a memoria come fare per disabilitarlo ho fatto una rapida ricerca su Google, che mi ha portato a questo:
http://www.petri.co.il/disable_uac_in_windows_vista.htm.

Altro effetto secondario dell’aggiornamento è che mi viene detto che non ho i permessi per fare il download di un file sulla cartella G:\Archivio\Software. Oltre al fatto che il mio account è di tipo Administrator, quella è proprio la cartella dove solitamente eseguo i download dei programmi, ed anche ieri ne ho fatti più di uno. Chissa cosa è cambiato da ieri.

Altro effetto ancora è la modifica parziale (!!!) della pagina che Maxthon mostra (se abilitata) per facilitare l’apertura di alcuni link molto usati. In pratica a questo aggiornamento ha eliminato alcuni di questi (tra cui il mio sito personale http://www.alex75.it che non credo faccia parte di qualche lista “controllata” da Microsoft, ne da altri). E sempre in Maxthon ho trovato riabilitato il Magic-Fill, ovvero la funzione di autocompletamento dei form di pagine web memorizzate. Dato che tale funzionalità credo sia indipendente dalle impostazioni di IE, mi domando perchè.

Aste ridicole di venditori ridicoli su eBay

Su eBay ho chiesto ad un venditore il modello di un router usato che ha messo in asta. Dalla foto si vede solo che è un D-Link posizionato sulla sua scatola. Venditore con 10 feedback positivi. É un oggetto che sto cercando. Dato che l’ho trovato fuori dalla categoria eBay corretta (tra gli hard disk!) e l’asta è bassa, priva di offerte e prossima alla scadenza mi interessa molto.
Dalla foto non si vede l’antenna e non c’è scritto nulla sulle caratteristiche dell’oggetto, tranne che in negozio non si trova a meno di un centinaio di euro. Io devo sapere se è wireless e se supporta lo standard 802.11g e quindi faccio una domanda breve e precisa al venditore: “Che modello è?”
Mi risponde in breve tempo il venditore, ma con una risposta completamente sbagliata: D-LINK Air Plus G54.
Ho cercato per mezzora su internet per vedere di trovarlo: non esiste.
Che motivo ha per dirmi una cavolata, quel “54” l’ha scritto apposta per fuorviarmi dato che esce per forza su oltre il 90% delle descrizioni dei router?
Allora cerco di capire “che venditore è” dando una occhiata gli altri oggetti in asta.

OK, al 99% non sa nulla di informatica. E non credo mi abbia volutamente dato una informazione errata, semplicemente NON É IN GRADO DI CAPIRE IL MODELLO DEL ROUTER LEGGENDOLO SULLA SCATOLA.
In asta ha anche un vocabolario ed un dizionario dei sinonimi e contrari di cui riporta solo cosa sta scritto sulla copertina, tanto l’anno di pubblicazione “chi se ne frega”, però li indica ottimi per la scuola (ma va’?!).

Ho trovato anche i seguenti articoli messi in asta.
Orologio Swatch, nero con cinturino trasparente e quadrante bianco o grigio chiaro. Così appare dall’unica foto che fa letteralmente schifo (è sfuocata e storta).
Descrizione abbreviata dell’asta: “Buone condizioni, funzionante. Mancano due vitine e ci sono alcuni graffi sul vetro. Per saperne di più non esitate a fare domande al venditore”.
Faccio notare il “buone condizioni” seguito da “mancano due vitine” e “graffi sul vetro” ?!
L’asta parte parte da 0.9 euro, con 10 euro di spedizione.
Vi interessa l’articolo?

Non c’è da stupirsi che tale venditore abbia in asta anche tre orribili orologi stile Casio anni ottanta che indica come (ah ah ah) “ottima idea regalo” o per collezzionisti (ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah). Certo che se qualcuno vi sta sulle palle, un pensierino ce lo potreste fare. Anche questa fantastica asta parte da 0.9 euro e con 10 euro di spedizione… non esitate a fare domande al venditore…

Una domanda da farle (dal nome è certamente una lei) ci sarebbe: che allucinogeni hai preso?
Non vi dico che altre amenità ha in asta questa persona.

Dimenticavo, il router lo prendo da altri venditori.

Il mio sito personale

Scrivo solo ora che ho finalmente un sito personale perchè assolutamente non ricordavo di aver registrato questo blog.
Uso il termine “registrato” per tenermi buono “creato” per quando avrò un blog basato su codice scritto da me.

E dunque ho registrato il dominio alex75.it, acquistato su TopHost che punta al sito web che ho pubblicato sul server virtuale che tengo su Aruba.

Ecco il link: alex75.it.