PC rumoroso

Ho 2 pc rumorosi.
Entrambi hanno solo la ventola degli alimentatori e la ventola del processore.
L’unica altra fonte di rumore potrebbe essere l’hard disk, ma lo escludo.

Ho trovato questa guida che sembra abbastanza esaustiva e facile da applicare anche da un utente non esperto.
La riporto qui.

Comunque vediamo quali sono le fonti di rumore (tutte ventole) e le eventuali soluzioni adottabili.

Ventola dell’alimentatore
Ventola del processore
Ventola della scheda video/della scheda madre
Ulteriori ventole aggiuntive
Hard disk

E’ importante considerare che se una ventola che non faceva rumore ed adesso ha iniziato a farne ci possono essere varie cause, alcune reversibili, altre che obbligano alla sostituzione del componente.

A volte l’aumento di rumorosita’ e’ determinato unicamente dal fatto che un certo quantitativo di polvere si e’ infiltrato all’interno del cuscinetto provocando vibrazione della ventola stessa. In questi casi e’ quasi sempre sufficiente smontare la ventola (non nel senso di aprirla ma semplicemente staccandola dal dissipatore metallico) e ripulirla, ad esempio adoperando un prodotto quali i vari lubrificanti-sbloccanti.
Devi fare un’abbondante spruzzata all’interno della ventola, dove si trova il cuscinetto, solitamente ci si arriva agevolmente dalla parte inferiore.
Inclina un po’ la ventola nelle varie direzioni e ruotala un po’ intorno al proprio asse, in modo da far si che il lubrificante possa arrivare dappertutto e cerca poi di far colare il prodotto fuori, in modo che si porti via la polvere.
Ripeti magari due o tre volte il trattamento, finche’ non vedi il prodotto colare fuori pulito.
Lascia la ventola a scolare per un po’ su carta assorbente prima di rimontarla e metterla in funzione.
Se hai anche un po’ di olio per macchine da cucire o per armi, puoi applicarne un po’ prima di rimettere la ventola in funzione.

Altre volte l’aumento di rumorosita’ dipende da danni al cuscinetto o da un lieve disallineamento dell’asse. Nel primo caso l’unica e’ sostituire la ventola, nel secondo la lubrificazione puo’ essere una valida soluzione.

In alcuni casi l’aumento di rumorosita’ delle ventole puo’ essere invece determinato dal fatto che il sistema adopera dei sistemi termocontrollati e l’eventuale aumento della temperatura (dovuto all’uso o alla temperatura esterna) puo’ provocare l’aumento del regime di rotazione con conseguente aumento della rumorosita’.
In questi casi l’unica soluzione e’ la sostituzione della ventola con un’altra piu’ efficiente che possa quindi produrre raffreddamento a regimi di rotazione inferiori.
Questo e’ vero soprattutto per le ventole dei processori: soprattutto i processori di fascia piu’ bassa sono spesso dotati di ventole meno efficienti che ruotano quindi a regimi piu’ elevati producendo un rumore fastidiosissimo. Sostituirle con ventole piu’ efficaci (che spesso sono anche dotate di pale opportunamente sagomate al fine di ridurre ulteriormente la rumorosita’) comporta spesso la totale eliminazione del problema.

Anche gli alimentatori sono dotati di ventole e queste spesso sono rumorose. Se possibile, sostituisci l’alimentatore con uno di quelli dotati di ventole da 12 cm (solitamente sono da 8 cm) che, ruotando a velocita’ minori, rendono il tutto molto piu’ silenzioso.

Infine, spesso le ventole delle schede video e, quando presenti, quelle delle schede madri sono fonte di un fastidiosissimo rumore: infatti, trattandosi solitamente di ventole di ridottissime dimensioni, queste ruotano a regimi molto elevati producendo rumore anche quando sono perfettamente in forma.
In questo caso, a parte, quando possibile, provare a sostituire la ventolina con una un po’ piu’ grande e silenziosa (previa verifica della possibilita’ meccanica di farlo e la valutazione dell’invalidazione della garanzia), l’unica soluzione realmente valida e’ l’impiego di schede dotate di dissipatore passivo di generose dimensione (ossia dotate di una bella aletta metallica) o specificamente pensate per essere poco rumorose.

Dal momento che a volte il numero di ventole presenti e’ notevolmente elevato, puo’ essere utile capire prima quale sia la fonte del rumore.
Spesso un metodo pratico consiste nel bloccare le ventole, una per volta, per pochi secondi.
Ovviamente bisogna stare attenti a come si mettono le dita quando si effettua questa operazione, a non tenere le ventole ferme per un tempo eccessivo (5-10 secondi non hanno mai fatto male a nessuno) e soprattutto a stare attenti a che la ventola si riavvii quando la lasci. Alcune ventole, infatti, quando vengono fermate stentano a riavviarsi e vogliono essere riavviate a spinta: di solito 2 o 3 colpetti, dati nel senso naturale della loro rotazione, sono piu’ che sufficienti.

Quanto all’hard disk, a volte capitano dei dischi con motore particolarmente rumoroso (tieni presente che in linea di massima il motore dell’hard disk e’ sempre in funzione) ed in questo caso non puoi fare molto se non sostituire il disco stesso.

Spero di essere stato esauriente.

Nel tuo caso il fatto che prima il rumore lo notavi solo quando il pc era impegnato in attivita’ gravose mentre adesso e’ praticamente costate dipende verosimilmente dal fatto che la ventola del processore (e’ la piu’ probabile) e’ diventate meno efficiente, probabilmente a causa di depositi di polvere sulle lame e, non improbabile, anche di uno vero e proprio cuscinetto di polvere che si e’ formato tra la ventola ed il sottostante dissipatore metallico e che di fatto impedisce il corretto defluire dell’aria e quindi il raffreddamento.
La scheda madre, quindi, nel tentativo di mantenere bassa la temperatura del processore innalza il regime di rotazione della ventola portandola a produrre il rumore di cui parli.

Smonta la ventola ed il dissipatore, dai loro una bella pulita con una bomboletta di aria compressa o anche con un semplice pennellino, lubrifica la ventola come ho scritto sopra.
Prima di riapplicare il dissipatore devi rimuovere i residui del vecchio materiale termoconduttore che si trova sotto il dissipatore, li’ dove viene poggiato sul processore. e poi ripristinarlo con pasta termoconduttiva al silicone o, meglio, al nitrato di argento (la trovi nei negozi di materiale e componenti elettronici).

Se non sai come fare puoi provare a non smontare nulla ed adoperare l’aria compressa e/o il pennellino e poi provare comunque a lubrificare la ventola (spesso quei prodotti sono dotati di una cannula in plastica flessibile che ti permettera’ di arrivare sotto la ventola senza grossi problemi).
Se non risolvi, forse e’ meglio rivolgersi ad un centro assistenza (chiedi pero’ prima quanto vogliono!!! E’ un lavoro per cui non dovrebbero chiederti piu’ di 10 euro)

Saluti, Pino

Fonte: http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20070519055641AAvD2TG

Ho riportato questa guida anche sul mio sito personale: link.